In treno col Boss

(riprese, montaggio e ideazione di Dr Zoom Alberto Engeli)

In giugno 2012, 2 giornalisti, l’italiano Beppe Severgnini accompagnato dal suo collega tedesco, ma che vive in Italia, Karl Hoffmann hanno intrapreso un viaggio, della durata di 3 settimane, attraverso 18 Stati americani in treno, per raccogliere le varie vibrazioni e le senzazioni delle persone durante questo anno di elezioni presidenziali…

Continua a leggere qui

Tag: , ,

I VOSTRI COMMENTI
    • Rosanna | 3 settembre 2012 alle 07:18

      Woow!! Cosa fantastica! Appena tornata dagli States: da San Diego a Chicago! A contatto con tanti giovani poco interessati alle elezioni (lo ero molto piu io che loro :-/).
      Alla ricerca continua dei “meglio/peggio” che a Roma una cosa mi ha in particolare fatta riflettere: negli USA ho perso la mia abitudine di consumare fazzolettini Tempo nei bagni pubblici come faccio a Roma 😮 incredibile! Cosí, io che spendo metà dello stipendio in ristoranti, ho deciso, tornata in Italia, di farmi promotrice della campagna italian “bagni decorosi al posto di bagni vergognosi” :-D! Help me?

    • Luisa | 3 settembre 2012 alle 12:51

      Siamo rientrati da poco da un viaggio stupendo tra States e Canada: in auto da Boston a Montreal, lungo la costa del Maine e poi ancora in treno da Montreal a Quebec City! Quanto è straordinaria l’America!! Ce ne siamo innamorati in viaggio di nozze e ora a quasi un anno di distanza ci siamo ritornati…oltre ad apprezzare profondamente il senso civico dei conducenti d’ auto e la gentilezza a volte fin imbarazzante degli americani, la cura del verde pubblico ancor più di quello privato, la pulizia dei servizi igienici nei luoghi publici, mi domando: c’è una possibilità per noi italiani di avvicinarci all’esempio di questo popolo??
      Aspetto ansiosa il 15 settembre per assaporarmi il filmato di Beppe!!!

    • Annalisa | 7 settembre 2012 alle 19:14

      Bellissimi i filmati che ho seguito sempre con tanta nostalgia per la mia America! Quando li potrò vedere su la 7 ???

    • Davide Alessio | 13 settembre 2012 alle 21:27

      Caro Beppe, ho un ranch nel North Dakota e penso di essere l’unico italiano con una proprieta’ agricola nel ND. E questo solo per finalita’ ludiche. Ormai e’ anni che faccio “back and forward” varie volte all’anno e considero quel ranch “home” mentre il luogo dove risiedo in Italia (Verona) e’ per me “just house”. Sono proprio curioso di vedere il Tuo documentario, specie dopo averTi sentito nominare il mio amato North Dakota, durante la Tua odierna presenza televisiva nel programma della Gruber.
      Ciao!!

    • Francesco | 16 settembre 2012 alle 00:19

      Ottimo reportage di viaggio. Per esser uno mai uscito dall’Italia conosco un po l’america al di fuori di quella che ci presentan i film. Secondo me avreste dovuto far 18 giorni in 18 puntate televisive! Bravi.

    • Isabella Deiana | 16 settembre 2012 alle 00:51

      Bellissimo!!!!!Complimentoni!!!Mi è piaciuto tantissimo!Grazie Beppe sei veramente un grande, ti seguo sempre, sei molto bravo!!!E anche Karl Hoffmann!!!!:-)))) <3

    • Fabrizio | 16 settembre 2012 alle 01:04

      Beppe
      Ho appena terminato di guardare il tuo “viaggio con il boss” e mi è sorta spontanea la domanda: come sarebbe stato lo stesso viaggio fatto da casa del “boss”, da Palermo a Trieste? Su un bel treno FS al posto di un Amtrack lucente (però i ritardi ce l’hanno entrambi, magari per motivi diversi..) a chiedere chi vincerà le elezioni tra ital-simil-repubblicani a ital-simil-democratici. Mi viene in mente Totò con l’onorevole Trombetta figlio di quel Trombone…..
      Se hai il fegato di intraprenderlo, fammelo sapere così ti accompagno!
      A parte questo triste commento, ho viaggiato con voi sognando l’America, quella che sa di petrolio, di vacche e di pioggia.
      Ciao
      Fabrizio

    • Giuliana | 16 settembre 2012 alle 08:16

      Mio figlio si e’ trasferito in America, in Illinois per cui ho la possibilità di vivere per alcune settimane all’anno la vita americana. Apprezzo il naturale senso civico, il rispetto. Si fermano quando un pedone attraversa sulle striscie pedonali!!!!!!!! Danno la precedenza a chi arriva prima ad un incrocio anche se si tratta di un ciclista ! I bagni sono puliti,anche quelli lungo le strade! Incredibile per chi proviene dall’Italia. Ho pensato agli americani che vengono nel nostro paese, mi sono vergognata al pensiero dei nostri sudici e puzzolenti bagni. Abbiamo paesaggi e opere d’arte meravigliosi e unici, perche’ non rispettiamo il nostro paese? Ho visto il filmato di Beppe del viaggio in treno trasmesso ieri sera. Bellissimo. Ha fatto venire voglio anche a me di girare in america in treno.. Grazie.

    • Giordano | 16 settembre 2012 alle 09:37

      Documentario Fantastico da riproporre altri passaggio sulla “LA 7”.
      Ho visto e sentito l’America che cerco. Grazie Beppe

    • Debora | 16 settembre 2012 alle 11:58

      Ho visto tutto lo speciale, ieri sera, su La7: un viaggio fantastico tra racconto ed emozioni.

    • tati | 16 settembre 2012 alle 12:47

      ne hai trovata un’altra “bloodsister”.Sono entusiasta del tuo video.Per me è poesia…grande Bruce…e grazie a te.

    • riva maria teresa | 16 settembre 2012 alle 14:43

      nonna Maria Teresa,domenica 16 settembre. ieri sera ho visto in TV il viaggio in treno, negli stati del nord america, bello, complimenti per la trasmissione!!!!!!!!!! Tra serate di politica e film su droga, stupri e assassini, finalmente un bel modo per una serata interessante, con due giornalisti simpatici e intelligenti… provateci ancora, grazie.

    • riva maria teresa | 16 settembre 2012 alle 14:49

      domenica, 16 settembre, nonna Maria Teresa. ieri sera ho visto in tv, il vs. viaggio in treno negli stati del nord america, bello, complimenti per la trasmissione!!!!!!! Tra film di assassini, stupri e droga e dibattiti noiosissimi di politici, finalmente un bel filmato interessante con due giornalisti simpatici e intelligenti, grazie.

    • Angela | 16 settembre 2012 alle 17:48

      Ho seguito con estremo interesse il reportage televisivo del 15 Settembre e come nipote e figlia di emigrati sono sempre curiosa di seguire le varie tappe della campagna elettorale presidenziale.
      Mio nonno è emigrato negli Stati Uniti nel lontano 1956 e dopo tanti sacrifici ha trovato fortuna a Pittsburgh, Pennsylvania, la quale è diventata la mia seconda casa dopo Torino. Credo fermamente che lo stato della Pennsylvania possa essere uno degli Stati decisivi per queste elezioni.
      Nelle varie associazioni di italiani che vivono a Pittsburgh vi sono pareri diversi e la frase riccorrente è: “i politici sono tutti uguali”.
      Tuttavia, Obama ha riacceso la speranza e la fiducia in tanti di loro, che hanno trovato in lui un Presidente diverso dal precedente repubblicano, poco amato nella comunità italiana presente nella città.

    • Monica | 16 settembre 2012 alle 20:58

      Trovo affascinate l’esperienza che avete raccontato… Sfortunatamente mi sono persa la puntata che e’ andata in onda ieri sera- 14 settembre su La 7, sapreste suggerirmi come rivederla? Thanks

    • Gabriele | 17 settembre 2012 alle 10:22

      Complimenti a Beppe e Karl! Il viaggio è stato absolutely amazing!

    • Gabriele | 17 settembre 2012 alle 10:23

      Complimenti a Beppe e Karl, il viaggio è stato absolutely amazing!

    • Roberto | 17 settembre 2012 alle 13:44

      Complimenti Beppe ottimo racconto, coinvolgente e per niente noioso. Beppe UNO di noi

    • luisa carrera | 17 settembre 2012 alle 14:10

      Accidentaccio! Mi son persa il viaggio in treno su La7 e mi dispiace assai. C’e’ modo di rivederlo? Ci sono in programma delle repliche? Per favore mi fa sapere?
      Grazie in anticipo e buon anno (in fondo, a Milano/Crema l’anno vero inizia a Settembre). Un caro saluto.

Lascia il tuo commento