Piove sui media (dal Corriere della Sera)

Pioggia e polemiche in tutta Italia. I media nella bufera. Lamento di una categoria, come l’avrebbe scritto il Vate.

Taci. Su le soglie / del losco non odo / parole che dici sane; ma odo parole non nuove / che parlano furie e voglie lontane. / Ascolta. Piove dalle nuvole sparse. / Piove su candidate ministre e comparse, / piove su Fini scaglioso ed irto, / piove su i papi divini, / su i fatti recenti all’ estero accolti, / su i colleghi ebbri / di promozioni recenti, / piove sulle nostre chiusure la sera, / piove sulla nostra tastiera ignuda, / su i nostri patimenti leggeri, / su stanchi pensieri che l’ anima schiude, / po’ rella, su la favola bella / che ieri c’ illuse, che oggi c’ illude, o Italia. Odi? La pioggia cade su la solitaria apertura con un crepitio che dura / e varia nell’ aria secondo le bande / più rudi, men rudi. Ascolta. Risponde al pianto il canto / delle cicale aziendali, / che il senso professionale non impaura, / né il ciel cinerino. E il Tigì ha un suono, e Chi altro suono, e il Giornale / altro ancora, strumenti diversi / sotto le stesse dita. E stremati noi siam tra destre e sinistre, / d’ amare risse travolti; e il tuo volto stanco / è molle di pioggia come una sfoglia, / e il tuo bel nome sbiadisce eccome / trimestre dopo trimestre, o luogo terrestre che hai nome Italia.

Se non siete tipi poetici, mettiamola in modo prosaico.
 
In una democrazia sono i media che controllano il potere, non il potere che controlla i media. Vedere il giornali del Capo che assaltano i critici del Capo non è un bello spettacolo: mi dispiace, Vittorio.
 
E «Porta a Porta», martedì, perché è stato un errore? Per almeno tre motivi: ha reso retorica una cosa bella (la consegna delle prime case ai terremotati); ha mostrato, con quegli ascolti infimi, che il monologo autocelebrativo ha fatto il suo tempo (forse anche a Cuba e a Caracas, certamente in Italia); ha mostrato che Silvio Berlusconi controlla, se vuole, tutta la televisione in chiaro (spostato «Ballarò» di Rai Tre, cancellato «Matrix» a Canale 5).
 
Quest’ ultimo punto è fondamentale. Solo tonti, distratti e malintenzionati pensano che la Tv non pesi nella formazione del consenso. Non fosse così, spiegatemi perché i candidati presidenziali americani spendono gli ultimi soldi in martellanti spot Tv. Oppure ditemi come mai il russo Putin ha vietato ogni critica dal piccolo schermo. Giornali e libri, passi. Televisione, niet.
 
Il nostro Capo dice: «Non possiamo più sopportare che la Rai sia l’ unica televisione pubblica al mondo che attacchi il governo». Sincero, ma inesatto (tutte televisioni pubbliche criticano il governo). E incompleto. Avrebbe dovuto aggiungere che la televisione privata è sua e – ovviamente – non è autorizzata ad attaccare il proprietario. Ergo, la TV italiana – tutta – dovrebbe star buona: solo elogi, niente critiche. Be’, non è così che funziona una democrazia. E se dicendo questo rientro nel Club dei Farabutti, così sia.

I VOSTRI COMMENTI
Lascia il tuo commento