Impuniti sulle nostre strade? (dal Corriere della Sera)

Gli svizzeri sono poi così corretti (segreto bancario a parte)? Noi italiani siamo davvero ingovernabili? Gli stereotipi nazionali vanno presi, smontati e studiati. Solo allora possono rivelarsi istruttivi. 

All’inizio di agosto, qui sul "Corriere", avevo raccontato la sorpresa autostradale dell’estate 2009:  auto italiane preoccupate del Sistema Tutor, e in genere rispettose dei limiti;  auto straniere ben più disinvolte, spesso oltre i limiti. Il turbofanatico – quello che ti piomba alle spalle con gli abbaglianti, a 190 km/h, e chiede strada per la sua prepotenza –   è spesso  un forestiero.

Di targa, almeno. Parecchi svizzeri, avevo notato. Qualche tedesco. Alcuni olandesi. Francesi, romeni, croati e residenti di Montecarlo.  Le multe non gli arrivano? mi ero domandato. Oppure arrivano e vengono ignorate? Per saperne di più, ho scritto al Ministero dell’Interno, che mi ha girato all’ufficio legale della Polizia Stradale, dalla quale è emersa questa stupefacente realtà. Copio e incollo:

A) "Non esiste un meccanismo uniforme e condiviso di notifica internazionale dei verbali relativi alla violazione delle regole della circolazione stradale. Fatta eccezione dei casi in cui c’è un accordo bilaterale (come per l’Austria), non esiste un obbligo per lo Stato di residenza dello straniero di comunicare all’Italia l’intestatario del veicolo che ha commesso la violazione. Anzi, alcuni Paesi si oppongono fermamente a questa operazione"

B) "Non  esiste un sistema di esecutorietà delle sanzioni nei confronti degli utenti che, avendo commesso violazione in uno Stato estero, non abbiano provveduto al relativo pagamento. In tal modo le infrazioni stradali restano spesso impunite se commesse a bordo di un veicolo immatricolato in un altro Stato. Chi paga lo fa, sostanzialmente, per buona volontà".

Buona volontà! Tanti svizzeri, evidentemente, la perdono per strada, quando scendono in Italia.  Scrive un lettore di Zurigo, Dino Nardi: "Da inizio 2008,  ben 85.000  automobilisti svizzeri sono debitori di 1,4 milioni di euro per pedaggi non pagati in Italia. La Società Autostrade, per incassare quei soldi, ha  incaricato una società svizzera specializzata nel recupero crediti". Ho indagato. Secondo il Touring Club svizzero, si tratta di carte di credito scadute, mancanza di contante e passaggi indebiti nella corsia Telepass.

Conclude amaro il signor Nardi: "Evidentemente gli automobilisti svizzeri  (compresi noi stranieri che qui abitiamo), in genere disciplinati e ossequiosi del codice della strada, non prendono seriamente l’Italia e le sue leggi. Confidano nella   trasandatezza dell’applicazione. Se ciò accadesse a parti invertite, altro che impunità: farsi individuare in Svizzera, anche dopo anni, dalle autorità di polizia (magari in un controllo o un pernottamento) significa pagare caro, molto caro, il mancato pagamento di una multa, o altro. Provare per credere!"

Diciamolo, sarebbe sorprendente se i  transalpini, dentro di sé, la pensassero ancora come i loro antenati del Grand Tour:   l’Italia è attraente perché tutto è permesso. Ai tempi erano peccatucci sessuali, aborriti dalla morale protestante; oggi può essere un’Audi lanciata a 200 km/h su un’autostrada trafficata, alla faccia delle regole, della sicurezza e delle multe. Giacomo Leopardi –  uomo di Recanati, ma ha potuto evitare la A14 – aveva capito tutto: "Oggidì i viaggi più curiosi e più interessanti che si possono fare in Europa, cioè nel paese incivilito, sono quelli de’ paesi meno inciviliti".

Un sospetto, quindi:  è l’ambiente che crea il comportamento. Siamo animali sociali, imitiamo quelli che ci stanno intorno.  Non esiste una predisposizione alla sciatteria civile, anche se in Italia ci fa comodo pensarlo.  Chi viaggia, lo sa: gli italiani nel mondo rispettano regole che ignorano in patria (dal fisco all’ufficio, dall’università alla strada). Che gli svizzeri, amici e vicini, facciano il contrario è culturalmente e antropologicamente interessante (necessità di una pausa civica? voglia di  vacanza morale?). Ma è inaccettabile. Aiutiamoli a correggersi, regaliamo loro i beati giorni del castigo. Ci saranno riconoscenti, dai Grigioni all’Appenzello.

I VOSTRI COMMENTI
Lascia il tuo commento