Votare per l’Europa, e sentirsi fessi (dal Corriere della Sera)

Forse rassegnato, certo allibito, vagamente nauseato.  Fesso, no. Non voterò alle europee il 7 giugno. Se le elezioni per il parlamento nazionale sono state un’umiliazione – liste bloccate,  nostro compito era ratificare le nomine dei partiti – quelle per l’Europarlamento s’annunciano come una provocazione.
Dico, avete visto chi vogliono candidare? Vecchi delusi, giovani amiche, soliti trombati, parenti invadenti, ex-potenti indigenti, funzionari  sconosciuti.   I ristoranti di Strasburgo e Bruxelles li aspettano a braccia aperte: ammesso che  ci vadano, una volta eletti. I siti lo scrivono, i giornali lo riportano, le radio ne accennano. Ma davanti ai fotogrammi dall’Abruzzo – diciamolo – chi ha voglia di discutere l’opportunità della candidatura Mastella?
 
Così Clemente sarà nelle liste PDL, segno e simbolo del nuovo. E chi s’azzarda a dire che hanno voluto saldare il debito per aver silurato Prodi – tuona l’interessato – "è un farabutto!" Il partito, com’è noto, sarà guidato ovunque da Silvio Berlusconi  –  sebbene la carica di eurodeputato sia incompatibile con l’incarico di governo.  Ma se qualcuno avesse il coraggio d’affermare che il partito non guarda avanti, ecco Barbara Matera, 28 anni, scelta personalmente dal leader (curriculum: finalista a Miss Italia, annunciatrice RAI, «letteronza» a «Mai dire gol», «letterata» in «Chiambretti c’è», intepretete di «Carabinieri 7» e  «pattinatrice vip» a «Notti sul ghiaccio»).  A Strasburgo se la vedrà con la coetanea Elena Basescu, bella figliola del presidente della Romania, Traian Basescu. La ragazza ha competenze incerte, ma splendide foto. Memorabile quella sopra un cavallo deceduto o molto stanco (http://www.claudiocaprara.it/post/2214328.html).
 
A sinistra Dario Franceschini tuona contro le scelte della maggioranza e assicura: "Noi manderemo a Strasburgo solo persone autorevoli che ci resteranno per tutto il mandato!". Bene: allora  non si capisce perché candidano Bassolino (sicuri sia autorevole?) e Cofferati (non voleva lasciare la politica per la famiglia?). E gli alleati? Si presenta Di Pietro (la carica di eurodeputato è incompatibile con quella di deputato nazionale) e si presenta Vendola (ma non è il governatore della Puglia?).
 
Diciamolo: in fondo la scelta di Berlusconi di candidarsi ovunque – pur sapendo che all’Europarlamento non metterà mai piede – è sfacciatamente sincera. Vuol dire: "Queste elezioni non contano un fico secco, sono soltanto un sondaggio ufficiale dell’elettorato. E poiché ai sondaggi tengo, voglio esserci".
 
L’entusiasmo del 1979 –  primo Parlamento Europeo a elezione diretta  –  lascia il posto a questa commedia. Non in tutti i Paesi accade: pensate che qui e là, in campagna elettorale, parleranno di Unione Europea e poi eleggeranno gente che, a Straburgo e Bruxelles, ci andrà.  E noi? Non capisco perché dobbiamo prestarci a questo gioco.  Anzi, lo capisco.  Siamo la plebe democratica, e fanno di noi ciò che vogliono. 
 
Vuoi vedere che un po’ fessi  siamo davvero?
I VOSTRI COMMENTI
Lascia il tuo commento