Lezione 8 – Siate chiari, siate bravi

Get the Flash Player to see the wordTube Media Player.
I VOSTRI COMMENTI
    • Cavallo GolOso | 3 gennaio 2013 alle 02:32

      Eccellenza, buongiorno a Lei (nonchè , anzi, nonche’ mitico).
      Innanzitutto voglia gradire i sensi della mia più cara stima. E questa ce la siam tolta di torno.

      Sono completamente d’accordo, in teoria. Ho sempre sentito di essere della scuola che “se non ti capiscono è perché non ti sai spiegare”. Ma davvero, sinceramente, non ti è mai capitato di sentirti uscire lo spirito dal corpo in un sospiro dopo l’ennesima volta in cui hai tentato di far capire un semplice concetto ad una persona in particolare? Oppure ancora: non ti è mai capitato (impossibile che non sia così, è persino nel tuo libro sotto a “in che senso?”) di fare una breve, semplice, inequivocabile affermazione e vedere chiaramente che è stata considerata ambigua, non chiara, non efficace, priva di significato?

      Io so che non sono breve. E posso peggiorare (sempre si può), anche in fatto di chiarezza. Ma non parliamo di me: davvero non ti è capitato di esprimerti in un modo che non ritenevi di poter semplificare maggiormente, di non poter rendere con un’ulteriore metafora, di non poter raggiungere meglio né con artifici lunghi, né corti e nonostante questo, di non esserti fatto capire?

      Non hai tentato la stessa carta con qualcun altro che ha compreso perfettamente, subito, senza ombra di dubbi e lo ha dimostrato ragionandoci sopra e ponendo domande puntuali e precise su ciò che cinque minuti prima non conosceva?

      Davvero ci spieghiamo sempre male? Non esiste mai la possibilità che gli altri non capiscano, non ci arrivino, non condividiamo la stessa base linguistica (il semplice e basilare significato principale dei vocaboli, non specialistico) ?

Lascia il tuo commento