100 buoni motivi per essere europei

Per iniziare bene il 2002, l’anno dell’euro, un pezzo pubblicato su “Sette” nel 1997.


1 OMERO Chiunque abbia scritto film o romanzi d’avventura, ha dovuto misurarsi con lui, e ne e’ uscito con le ossa rotte. Steven Spielberg, Michael Crichton, Tom Clancy: rassegnatevi.


2 PIZZA Pasta, pomodoro e formaggio: come tutte le grandi creazioni, la pizza e’ di una semplicita’ disarmante. Gli americani sostengono di averla inventata.  Vadano a dirlo a Napoli, se hanno il coraggio.


3 SCOLLATURE  Gli inglesi dispongono del termine migliore, cleavage (“scollatura” e décolleté  sarebbero invece piaciuti a Robespierre). Ma gli  italiani, da anni, forniscono la materia prima (dalla Loren alla Lollo, fino a  Ferilli e Cucinotta).


4 IKEA Questa ditta svedese ha convinto mezzo mondo che e’ bello lottare con le istruzioni per il montaggio. Geniale.


5 CIOCCOLATO  L’oro nero dei belgi e degli svizzeri


6 PREMI NOBEL  Piu’ importanti dei premi Oscar (per adesso). 


7 VINO  Californiani, sudafricani, australiani e cileni stanno rimontando. Ma lo Zinfandel della Napa Valley non ha ancora trovato il suo Carducci (“Generosa Barbera/bevendola ci pare/ d’esser soli in mare/sfidanti una bufera”)


8 OLIO D’OLIVA La Civilta’ dell’Olio non ha ancora sconfitto l’Abitudine al Burro.  Ma Italia, Spagna e Grecia avranno la meglio. Il SEF (Stomaci E Fegati) e’ infatti piu’ potente della PAC (Politica Agraria Comune).


9 FOOTBALL Gioco inventato dagli inglesi (come il cricket, il golf, il rugby e il tennis). I tedeschi ne hanno fatto uno sport;  gli olandesi una disciplina atletica; gli spagnoli un genere  teatrale; noi italiani una forma d’arte. Allora, perche’ non vinciamo?


10 TELEFONI CELLULARI Nonostante l’uso discutibile che ne viene fatto in alcuni paesi (cito a caso: Italia), l’apparecchio e’ utile. I maggiori produttori  stanno in Finlandia e in Svezia. A dimostrazione che gli europei, anche al freddo, hanno buone idee.


11 CHIESE Da Notre Dame (Parigi) ad Abbadia Cerreto (Lodi), il cristianesimo ha lasciato magnifiche tracce. E’ la nostra storia, complessa e drammatica. Americani e giapponesi ce la invidiamo. Noi dobbiamo rispondere: non e’ in vendita.


12 CRISTOFORO COLOMBO Se non era per lui, loro  stavano ancora cacciando bisonti (be’, piu’ o meno).


13 GIULIO CESARE Sarebbe un ottimo presidente della Commissione Europea


14 GIOVANNI PAOLO II  Il polacco che ha affossato (con qualche aiuto, terreno e divino) il comunismo, e rilanciato il cattolicesimo nel mondo.


15 BEATLES Come la Settimana Enigmistica , vantano numerosi tentativi di imitazione. Niente da fare. Elvis Presley, Bob Dylan e  Bruce Springsteen sono grandi; Michael Jackson crede di esserlo. Ma devono rassegnarsi: il Genio e’ nato a Liverpool, Europa.


16 BIRRA Dalla Budweiser originale (Ceske Budejovice/Budweis, Boemia) all’irlandese Guinness, dalle tiepide birre inglesi alle solide birre tedesche. Gli americani, per le loro birrette, fanno una pubblicita’ migliore.  Ma questo e’ quanto.


17 CHAMPAGNE I francesi hanno dovuto difenderne il nome in tribunale. Noi li lasciamo fare, e beviamo i nostri champenois.


18 BIDET  In America  non li capiscono; in Africa, li ignorano; in Oriente, li ritengono morbosi; in Australia li usano per lavare le calze. Insieme al water-closet (WC) il bidet e’ invece una grande conquista della civilta’ europea (tra un paio di secoli lo capiranno anche gli inglesi).


19 COLTELLINO SVIZZERO Sconsigliato per il combattimento corpo a corpo, e inadatto per apparecchiare la tavola, questo oggetto e’ tra i Cult Objects  elencati da Deyan Sudjic nel libro omonimo (Paladin, 1985). Anche se non fosse un oggetto di culto, rimane una grande invenzione.


20 OLIVETTI LETTERA 22  Dal 1950, il simbolo della perfezione estetico-dattilografica. Anche i computer, quando la vedono, si inchinano.


21 P.G.WODEHOUSE Quale europeo non e’ orgoglioso d’esser nato sul suo stesso continente? (Jeeves direbbe: “Continente, Sir ? Con rispetto, questa a me pare un’isola.”)


22 WURSTEL  Maiale in forma cilindrica. Un gioiello di design, un modello di funzionalita’ alimentare e difficolta’ digestiva.


23 PARLAMENTO Quello inglese e’ il piu’ antico,  e rimane il migliore (il nostro ha bisogno di qualche ritocco)


24 BANDIERE  Varie e colorate, sono servite spesso a sostenere le cause sbagliate. La piu’ bella e’ la piu’ nuova: blu, con dodici stelline nel mezzo (e speriamo che aumentino)


25 PASSEGGIO  Caposaldo della vita sociale mediterranea. In America, invece, non si passeggia:  in America si va e si torna.


26 TERRAZZA Antica istituzione italiana, che gli stranieri non mancano  di apprezzare. Dopo una giornata stressante, la terrazza (in casa privata, al ristorante) sostituisce lo psicanalista e rappacifica col mondo.


27 CANZONE NAPOLETANA E’ vero: non siamo solo chitarre e mandolini. Ma siamo stati anche  chitarre e mandolini che, lucidati e rimodernati, fanno ancora ballare la gente.


28 PICASSO Genio indiscusso. Anche perche’ pochi sanno da che parte cominciare a discuterlo.


29 OXFORD E CAMBRIDGE   Cultura e snobismo si sposano  nella campagna inglese. Inimitabili.


30 GIORNALI Attaccati e vilipesi, i giornali europei hanno una lunga tradizione (Gutenberg e’ roba nostra) e conservano il loro fascino. Guai a chi ci toglie  il Corriere , The Economist , Die Welt , El Pais , Le Monde  (e La Gazzetta di Parma ).


31 BBC The auntie  (“la zia”) resta un modello di indipendenza e di qualita’. Il World Service della BBC Radio e’ un regalo dell’Europa al mondo.


32  LE CITTA’ MAGICHE  Praga, Lisbona, Dublino, Vienna, Trieste: dove le culture e le genti si incrociano, nascono sempre le idee.


33 VACLAV HAVEL Il piu’ brillante, simpatico, ironico capo di Stato in circolazione.


34 HELMUT KOHL Dite quello che volete, ma l’uomo ha coraggio e fantasia. Prima la riunificazione tedesca, adesso la moneta unica europea. Se gli va bene anche stavolta, prepariamo i monumenti.


35 VENEZIA  Pezzo unico, gioiello assoluto. Forse, come dice Montanelli, e’ troppo importante per lasciarla in mano a noi italiani.


36 ATTORI BRITANNICI Da Rupert Everett a Hugh Grant, da Sean Connery a Anthony Hopkins. Rispetto ai colleghi americani hanno un vantaggio: sono imperfetti.


37 RAGAZZE DELL’EST Battisti e Baglioni intuirono il fascino di quegli occhi chiari che ti guardano. Adesso non c’e’ piu’ il comunismo; gli occhi chiari  guardano (com’e’ giusto) le vetrine.


38 RAGAZZE DELL’OVEST  Da Isabelle Adjani a Monica Bellucci, da Natalia Estrada a Claudia Schiffer: moderne opere d’arte (con l’aiuto del fotografo e del truccatore).


39 TOURING CLUB Il viaggio moderno e’ cosa nostra. Dal Grand Tour al Touring Club, gli europei, quando vogliono, si muovono con grazia e saggezza (certo: visitando Benidorm in agosto e’ difficile crederlo)


40 SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE  Quando funziona, e’ una prova di civilita’. Quando non funziona (o costa troppo) è motivo di frustrazione.


41 ARMANI & C.  Dall’artigianato alla grande industria. Una giacca da donna puo’ scatenare la rivoluzione.


42 L’INGLESE La lingua internazionale e’ nata qui. Semplice da parlare, facile da storpiare,  accetta ogni violenza (anche quella degli americani) pur di dominare il mondo.


43 BED & BREAKFAST  Risposta europea al motel. Magari trovate le pantofole del proprietario sul comodino, ma il risparmio e la prima  colazione sono assicurati. 


44 BAGUETTE Un modo semplice (un po’ fallico?) di confezionare il pane. Dal panettiere italiano, invece, occorre il dizionario (rosette, arabo, pane comune, ciabatte, all’olio, al latte, banane, bocconcini). 


45 TEATRO Con autori come Tom Stoppard e John Osborne, registi come Peter Hall e attori come Maggie Smith, gli inglesi sono convinti che il loro teatro sia il migliore del mondo. Hanno ragione.


46 IMPRENDITORI In onore di Luciano Benetton e Charles Branson,  Bocconi e London School of Economics dovrebbero instituire la Scuola di Fantasia Aziendale (SFA). Benetton ha un merito in piu’: non e’ fissato con le mongolfiere.


47 ARCHITETTI Da Aldo Rossi a Renzo Piano, da Norman Foster a Richard Rogers: gli architetti europei hanno abbellito il mondo (trovano qualche problema, tuttavia, nel  lavorare a Roma)


48 ROSSELLINI E FELLINI  Hanno acchiappato il dopoguerra che passava, e ne hanno fatto poesie. 


49 VECCHIE DIMORE  Le case d’Europa che hanno conosciuto Amore & Manutenzione sono li’ a ricordarci com’eravamo – e cosa avremmo potuto essere – prima del condominio.


50 DOLCI  Dalla Sacher alla cassata sicialiana, dai gelati agli after-eight. Siamo un continente che sa essere dolce.


51 SPIAGGE E’ vero, ci sono i Caraibi. Ma noi continuiamo ad andare in Sardegna.


52 ALPI  L’Himalaya e’ troppo alto; le Montagne Rocciose sono troppo tante. Le Alpi offrono la giusta combinazione di comodita’ e inaccessibilita’.  E poi hanno dei bei nomi: Monte Rosa suona meglio di Karakorum.


53 YOGURT  Il contributo bulgaro alla civilta’ occidentale.


54 SHAKESPEARE Gli inglesi hanno ricostruito il suo teatro (Globe); gli americani lo ripropongono; i tedeschi lo ammirano; i francesi lo leggono; gli italiani lo citano.  Da “Cymbeline”: “The breach of costum is  breach of all ,  infrangere il costume e’ rovinare tutto.” Non e’ un buon motto per l’Europa?


55 BEETHOVEN Schroeder, il piccolo genio amico di Charlie Brown, tiene in camera il busto di Beethoven, non quello di Frank Sinatra. Vorra’ dire qualcosa?


56 VAN GOGH L’olandese disse che, con i suoi colori puri, “intendeva esprimere le terribili passioni degli uomini”. C’e’ riuscito.


57 WIM WENDERS  Per dieci anni, ha saputo cogliere lo Zeitgeist  (spirito del  tempo). Forse perche’ parlava la lingua?


58 SPAGHETTI La saggezza popolare ne aveva capito l’importanza molto prima dei dietologi. Il termine viene usato, tavolta, per insultare gli italiani. Sciocchi; non capiscono di farci un complimento.


59 CAFFE’ Cominciarono a berlo a Venezia (1620) e a Londra (1652). Adesso siamo tutti  drogati di cappuccini  e café au lait . Non e’ magnifico?


60 CAMICIE INGLESI  Resistenti, abbondanti, fresche, colorate e eleganti.  Una conquista della civilta’ occidentale a 35 sterline.


61 SCARPE ITALIANE Dalle scarpe che stupiscono alle scarpe che respirano, dal mocassino  alla pedula, fino alle scarpe da barca per chi in una barca non mettera’ mai piede.


62 CLARKS (DESERT BOOTS) E CHURCH L’ultima trincea dell’impero calzaturiero britannico.  Ma e’ una trincea di classe.


63  AGATHA CHRISTIE La “signora omicidi” che ha conquistato il mondo.


64 BICICLETTE   Da Merkx  a Indurain, dai ragazzi di Amsterdam al ragazzo di Bologna (Prodi),   dalle signore in bicicletta ai Ladri di biciclette . La civilta’ delle due ruote ci appartiene  (anche se, come numeri, i cinesi ci battono).


65 AIRBUS Alla Boeing di Seattle ne parlano con rispetto. Sembra impossibile, ma quando in Europa ci mettiamo insieme, diamo filo da torcere a tutti.


66 TRENI AD ALTA VELOCITA’ Francesi, tedeschi e spagnoli hanno gia’ provveduto. Noi  aspettiamo  l’ispirazione (e i soldi).


67 SAUNA Celebre invenzione nordica. In noi sudisti ispira giustificate cautele.


68 MOZART  Genio allo stato puro. Dal Flauto Magico  alle cinquantadue sinfonie,  ascoltare per credere.


69 MONASTERI In tempi difficili sono serviti come laboratori, rifugi,  biblioteche,  centri culturali, fotocopiatrici.  Umberto Eco lo ha spiegato al mondo.


70 ENCICLOPEDIA Dietro ogni CD-rom ci sono gli enciclopedisti (Voltaire, Diderot, D’Alambert).  Non dimentichiamolo.


71 TINTIN E ASTERIX   Tintin ha 67 anni, Asterix 38. Finche’ ci sono in giro loro,  Topolino ha avversari degni di lui.


72 TELEVISIONE Non ci crederete, ma l’abbiamo inventata noi (John Logie Baird, scozzese, prima immagine in movimento).


73 TORRE DI PISA  Straordinario esempio di marketing artistico. Fosse stata diritta (ovvero: se l’avessimo costruita bene) non avrebbe attirato milioni di giapponesi.


74 GIOCONDA Forse non e’ il quadro piu’ bello del mondo, ma e’ il piu’ famoso. Basta e avanza.


75 LEGO  Il danese che nel ’34 lo invento’, Ole Kirk Christiansen,  e’ stato beatificato nei cuori di tanti genitori. Cosa faremmo, nei pomeriggi di pioggia, senza l’aiuto dei “mattoncini”?


76 TULIPANO  Lucido, regolare, impeccabile. Non a caso, e’ un fiore del nord. 


77 SCIATORI  Tomba, Compagnoni, Stenmark, Thoeni, Klammer, Killy ci hanno mostrato come si scende da un pendio innevato. Quando partono i giapponesi e gli americani, chiudamo gli occhi e speriamo che non si facciano male.


78 DANTE ALIGHIERI  Grande spirito visionario, sommo poeta. Se tornasse a trovarci, tuttavia, sarebbe irritato: dovrebbe ammettere che l’espressione “lingua volgare” ha assunto un altro significato.


79 SOCRATE e SENECA  Sostenevano l’identita’ tra sapere e virtu’. L’Europa ha ancora bisogno di loro.


80 FLAMENCO Non ci crederete, ma lo ballavano anche prima del Ciclone.


81 MERCEDES  L’Europa ha un’anim d’acciaio. I tedeschi avevano pensato di usarla come bandiera, poi si sono accorti che era troppo pesante da issare sui pennoni.


82 FERRARI  Non c’e’ molto da dire. Basta ascoltare il motore e guardare il colore.


83 VESPA Giovane cinquantunenne, ha ispirato film e trasportato innamorati e pacchi (dall’Italia all’India).


84 FORMAGGI  Dall’emmenthal al camanbert, dal cheddar alla mozzarella. L’Europa – Francia in testa – non teme confronti.


85 BARBOUR In Gran Bretagna, il giaccone identifica gli inglesi in campagna (e gli italiani arrivati in citta’).  Piu’ e’ consunto, piu’ e’ bello. La spilletta “Barbour” sul risvolto e’ un peccato mortale.


86 CUCINE ECONOMICHE  Dalla leggendaria Aga (svedese) ai modelli britannici e italiani. E’ l’esempio del calore domestico, l’equivalente psicologico di  una Volvo station-wagon e di un grosso cane nel soggiorno.


87 BLACK CAB (taxi di Londra). Nome tecnico: FX 4.  Anni: una quarantina. Nulla di altrettanto perfetto e’ stato inventato per scarrozzarci attraverso una citta’ (alto, comodo, spazioso, sicuro, sterzo impressionante).


88 CARTIER Il lusso sobrio. L’ossimoro impossibile ha conquistato i polsi del mondo.


89 SAUDADE La dolce nostalgia portoghese fa venir voglia d’esser tristi.


90 DON CHISCIOTTE Protagonista del capolavoro di Cervantes, e’ il simbolo degli utopisti. Che in Europa non mancano.


92 PUNK Comparvero a Londra nel 1976. Da allora hanno generato figli illegittimi, tra cui i  “grunge”  (sorry , Kurt Cobain).


92 MINIGONNA Creata da Mary Quant negli anni Sessanta, provoca ancora discussioni (poche) e turbamenti (parecchi).


93 GIOCHI OLIMPICI Istituiti in Grecia nel 776 a.c., avrebbero dovuto tornare alla Grecia nel 2000. Sydney l’ha spuntata. Non e’ giusto.


94 SIESTA Criticata come vizio mediterraneo, oggi e’ considerata un fenomenale espediente anti-stress. Rivalutato dalla scienza e nel costume, der pisolino is  chic.


95 RINASCIMENTO Periodo entusiasmante, in cui l’Europa era l’America di turno. 


96 MURO DI BERLIN0 Non siamo orgogliosi perche’ abbiamo permesso di   tirarlo su (1961); siamo orgogliosi perche siamo riusciti a buttarlo giu’ (1989).


97 LAGHI  Quasi tutti – per l’esattezza, 187.888 –  stanno in Finlandia. Tra gli altri,  segnaliamo  il Garda, il Loch Ness,  il lago di Ginevra e il Balaton (tutti meglio del Gran Lago Salato).


98 IMPRESSIONISTI  Hanno introdotto intere generazioni di europei alla pittura. Alcuni di costoro, addirittura, distinguono Monet da Manet.


99 PAESAGGI ITALIANI  Mutevoli, unici e incantevoli (“Sembrava che stessimo viaggiando nell’illustrazione di un messale”, Edith Warthon, Italian Backgrounds , 1905)


100 MONETA UNICA Tutto sommato, sarebbe comoda. Pero’ facciamola bene.

I VOSTRI COMMENTI
Lascia il tuo commento